gli ultimi sei numeri
l'ultimo numero
puracultura_104_2019.jpg
punti di distribuzione

SALERNO

          Stazione marittima

          Info point Galleria Capitol

          EPT e Azienda Soggiorno e Turismo

          Stazione Ferroviaria (biglietteria Italo)

          Teatro Postacatena

          Museo Diocesano

          Lloyd's Baia Hotel

          Museo Archeologico

          Teatro Ghirelli

          Teatro Verdi

          Sala Pasolini

          Teatro Il Giullare

          Teatro Nuovo

          Bar Verdi

          Circolo Canottieri

          Ecobistrot

          Bar Rosa

          Ciccio Formaggio (piazza F. Gioia)

          Bar Mario (via Dogana Vecchia)

          Dandy caffè letterario (Torrione)

          Mumble Rumble (via Loria - Pastena)

          Automobil Club Italia

          Salumeria Botteghelle

          Cibarti

          Palazzo Fruscione

          Galleria Figliolia

          Galleria Arechi

          Cinema San Demetrio

          Cinema Fatima

          Bar "Il Portico" (parco Pinocchio)

          Museo Città Creativa di Ogliara

CAVA DE' TIRRENI

Club Tennis
Rodaviva

Hotel Holiday Inn

Hotel Maiorino

VIETRI SUL MARE

          Hotel Raito
          Infopoint turistico comunale

          Ceramica Pinto

          Associazione CEO

          Associazione DivertiVento

          Associazione C.A.T.

          Antica tenuta "Il Trignano"

CETARA

Proloco

Hotel Cetus

AMALFI

La scuderia del Duca  - ex cartiera Cavaliere

FISCIANO

Bar Facoltà d’Ingegneria (Università)

          Bar del Rettorato

 

 

 

di Antonio Dura
Il Caligola di Antonio Grimaldi
foto di Anna Paola Montuoro

Sabato 16 novembre 2019, al Piccolo Teatro Porta Catena di Salerno, la compagnia “Teatro Grimaldello” ha presentato in prima assoluta “Invito al mio funerale” scritto e diretto da Antonio Grimaldi, con Antonio Grimaldi e Cristina Milito Pagliara, che verrà ancora rappresentato al Teatro Mascheranova di Pontecagnano Faiano (via Isonzo, 6-10) sabato 22 febbraio alle 21:00 e domenica 23 alle 19.30.

In scena il dolore dell’imperatore romano Gaio Cesare detto Caligola presso l’ara funeraria dell’amatissima sorella Drusilla.

Il lavoro di Antonio Grimaldi è tutto autonomo dal Caligola di Camus se non per lo spunto narrativo: amore incestuoso - morte della sorella - lucida pazzia - crudeltà che, pure attinto dalla fonte svetoniana, rimane privo di interesse per l’aspetto strettamente storico ed interamente orientato a cogliere la vicenda umana, a sintetizzare, con i tratti e le tinte che rendono il teatro di Antonio Grimaldi unico, il sentire stesso di Caligola attraverso il suo cuore ed i suoi occhi.

D’altra parte, considero Antonio Grimaldi fra i poeti più grandi del nostro periodo e, per questo, non mi ha sorpreso il magnifico accento lirico impresso al Caligola presentato dal Teatro Grimaldello: Drusilla (Cristina Milito Pagliara) è bellissima, pura, immobile e santa sulla pietra funeraria. Gaio (Antonio Grimaldi) non piange per lei - già diva - ma per sé stesso, per il mondo intero che fingendo di comprendere ove ignora, tradisce, finge ed allora il mondo è un mostro e Caligola è del mondo ma ha anche il potere. I ricordi dell’imperatore sono delicati, l’amore con Drusilla è avvolto fra coltri morbide e sensuali, il piacere della carne emerge dal corpo della donna come un’aura, come un vento leggero che le agita dolcemente i capelli, un sole lieve che le arrossa il viso, un soffio che le fa schiudere le labbra e tutto questo la innalza, ancora, oltre la sua vita, oltre la morte. In scena con Grimaldi e Milito Pagliara, due torce elettriche, alcune maschere, un mazzo di garofani rossi, tanta magia.

Info: teatrogrimaldello@hotmail.it

Antica Tenuta Il Trignano